Resoconto Riunione del 25 ottobre 2017

Redazione MoVimento Avellino 5 Stelle 25 ottobre 2017 0
Resoconto Riunione del 25 ottobre 2017
Share

A cura di Mario T.

Presenti
Umberto Ferrajolo , Giuseppe Ciampitti, Generoso Testa, Carmen Bochicchio, Mario Tomasone , Giovanni Varallo

Argomenti all’OdG

> gestione piattaforma Meetup
> Sito web comune di AV
> esame documentazione lavori di riammagliamento
> stazionamento bus borgo ferrovia
> inquinamento valle del Sabato
> bagni Parchi cittadini
> rete fogniaria AV
> varie ed eventuali

> gestione piattaforma Meetup
Carme fa notare che dopo l’aggiornamento del sito meetup.com non è più possibile per gli iscirtti non abilitati come organizer o assistent-organizer proporre e calendarizzare meetup. E’ stata però introdotta un nuova figura , quella di organizzatore di eventi, che può avere questa possibilità. Si propongono per avere questa qualifica:
Carmen
Umberto
Generoso
L’operazione dovrebbe essere materialmente esguita da Antonio (Organizer)

> Sito web Comune di AV
Carmen ci aggiorna di aver trasmesso al comune la nota riguardante la richiesta di maggiori dettagli sull’aggiornamento del sito, in risposta alla nota generica che il segertario ci aveva inoltrato.
Per maggiori dettagli, vedi la ­discussione della ultima riunione
Nella nota si richiede in particolare
> che tempi sono previsti per l’aggiornamento
> a che punto è l’aggiornamento
> a chi è stato affidato l’aggiornamento (interno o esterno al comune)
Allo scadere di 30 giorni dalla data della trasmissione della domanda (quindi fine novembre) in caso non avessimo riscontro potremo agire segnalaldo all’ANAC/anticorruzione l’inadempienza.
Nel frattempo, Carmen si studia la procedura e predispone la modulistica necessaria

lavori di riammagliamento
Mario aggiorna tutti dell’incontro avuto in comune il 16/10 con l’arch. Freda (responsabile del procedimento) cui ha preso parte anche l’assessore ai lavori pubblici, Ing. Preziosi.
Sono stati messi a disposizione tutti gli elaborati di progetto, che sono stati rapidamente esaminati, e l’assessore ha comunicato che i file in formato pdf sono comunque disponibili nella sezione “esiti di gara” del sito del comune. In tale sede non si è approfondita la materiale disponibilità dei file, ma successivamente visitando la sezione indicata i file non sono stati reperiti.
In ogni caso, dall’esame della documentazione fornita è emerso che il progetto prveede in effetti l’utilizzo di lastre di pietra lavica grigi su tutte le superfici oggetto dell’intervento, salvo che per i marciapiedi di via Due Principati sul lato destro scendendo verso il ponte della Ferriera per i quali è prevista la posa in opera di una striscia di pietra bianca per segnalare la presenza di due gradini.
Il problema rilevato inerente la difficoltà di individuare le alzate e il conseguente pericolo d’inciampo rimane pertanto in evidenza.
Inoltre, si prende atto di quanto segue
• il progetto è stato sottoposto al parere della sovrintendenza, in quanto le strade ricadono nella fattispecie di cui all’art. 10 comma 4 del codice dei beni culturali , e la sovrintendenza avrebbe espresso il proprio parere anche sui materiali
• nel progetto non vi è nessuna traccia riguardo l’impiantistica esistente (fogne, pozzetti, griglie, caditoie) , né nei disegni di stato di fatto ne’ in quelli di progetto.

Alla luce di tutto quanto sopra riportato, si decide quanto segue:
> verificare l’effettiva disponibilità on line dei file (vedi anche il punto all’OdG già dsicusso suil sito web)
> chiedere copia della corrispondenza con la sovrintendenza per verificare la tipologia e il contenuto della prescrizioni
> affrontare la questione della carenza di documenti e planimetrie dei sottoservizi cittadini (vedi anche punti successivi all’OdG)

> stazionamento bus borgo ferrovia
A margine dell’incontro per l’esame della c documentazione del progetto di riammagliamento, è stato chiesto all’assessore Preziosi con quali atti avesse provveduto all’attivazione della ferbata degli autobus a Borgo Ferrovia . Preziosi ha confermato quanto emerso dall’ultima nota dell’arch. Freda, cioè che non è stato prodotto alcun atto di indirizzo e/o collegiale. Inoltre, ci aggiorna sul fatto che è stata avviata la procedura per il rinnovo della convenzione con RFI per l’uso del piazzale e a valle di questo passaggio si potrà spostare lo stazionamento degli autobus nel piazzale dell’ex scalo merci.
Si discute il punto e si rianalizza tutto l’iter finora seguito sul tema . Si valutano sopratutto eventuali manchevolezze o carenze e si conclude che si rende necessario un’ ultima richiesta da formalizzare al comando dei VVUU per avere copia degli atti presupposti all’ordinanza del comandante dei VVUU del 29/07/2016 istitutiva del divieto di sosta sul piazzale, ordinanza che al momento è l’unico atto prodotto dall’amministrazione comunale. In assenza di riscontri da parte dei VVUU su questo punto, infatti, avremo la conferma definitiva e documentata dell’assenza di atti, come riferitoci da Preziosi.
Mario e Umberto si rendono disponibili per redigere questa domanda e inviarla via PEC

inquinamento valle del Sabato
Viene riassunto l’esito del colloquio avuto con l’assessore Penna e in particolare l’avvio della progettazione della centralina comunale di monitoraggio della zona di Pianodardine, come si era discusso nell’incontro avuto con l’assessore stesso ­nel 2016 .
In sostanza, l’assessore ha raccolto i nostri suggerimenti e li ha inseriti nel processo avviato dalla Regione a inizio 2017 per fornire ai comuni i fondi per sviluppare le progettazioni con il meccanismo del fondo di rotazione. Il decerto di pubblicazione della graduatori dei proegtti approvati (quello della centalina è il n° 66) è stato pubblicato sul BURC n° 6 del gennaio 2017 ed è ­scaricabile qui
Penna ci ha poi aggiornato che il Comune a cavallo della pausa di agosto ha già firmato la convenzione con la Regione per la materiale erogazione del finanziamento e quindi a breve dovrebbero partire le materiali attività di progettazione, che saranno svolte a d un gruppo di tecnici interni del comune.
Ci ha anche chiesto di prendere a cuore questa vicenda e di seguirla, in quanto la attuale consiliatura è in scadenza e tra qualche mese lui probabilmente non i sarà più.
Si discute della notizia e si valuta che il passo successivo sarebbe comunicarlo alla cittadinanza, cosa che però richiede un impegno ulteriore sul fronte comunicazione. Mario propone di coinvolgere l’associazione “salviamo la valle del Sabato” con cui abbiamo lavorato più volte sui temi ambientali, e di chiedere a loro di attivarsi per comunicare questa interessante notizia ai cittadini nell’ambito delle attività che l’associazione svolge normalmente sul territorio. In questo modo sarebbe un peso in meno per noi, fermo restando che chiederemmo all’associazione di farci partecipare all loro iniziative per illustrare quello che abbiamo fatto per essere i catalizzatori di questa iniziativa. La proposta viene approvata.

> bagni Parchi cittadini
Sempre nell’ambito dell’incontro con Penna, l’assessor ci ha detto di aver letto le nostre note (che per conoscenza venivano inoltrate anche all’Ambiente) e che ignorava che l’assessore al patrimonio Valentino avesse preso l’impegno di coinvolgere l’Ambiente stesso e le Opere Pubbliche dopo il sopralluogo fatto con noi, ne’ tanto meno di essere stato contatto dalla stessa Valentino o dai suoi uffici.
Vengono riepilogate le attività da noi attivate e si fa il punto sulla raccolta firma , per la qual ci eravamo dati come scadenza la settimana dopo la ricorrenza ognissanti/morti. Al momento la petizione online è a 132 firme, bisogna sostenerla diffondendola quanto più possibile. Inoltre, si deve dare seguito anche alla raccolta firme cartacea, e contattare anche i ragazzi del rugby. L a squadra ha iniziato gli allenamento 3 pomeriggi a settimana 8lun, merc e ven) al campo di rugby dalle 15 alle 17, se Antonio può andare farsi un salto venerdì sarebbe il massimo
Si decide quindi di proseguire con la raccolta, sentire i ragazzi del rugby per valutare di organizzare assieme una manifestazione al parco palatucci e fissare la settimana dopo i morti per un comunicato e/o conferenza stampa

> rete fogniaria AV
Nel corso dell’incontro con Penna e facendo seguito alla nota che avevamo trasmesso formalmente, abbiamo chiesto espressamente di vedere una copia della carta delle fogne di Avellino, e l’assessore ci ha confermato che il comune ne è sprovvisto.
Qui si apre un nuovo capitolo su cui lavorare per:
• evidenziare e comunicare alla cittadinanza che il comune ha questa incredibile lacuna
• spiegare che senza queste informazioni non è possibile tenere sotto controllo la situazione degli scarichi ufficiali e abusivi (tanto civili quanto artigianali e industriali) sul territorio comunale con tutti i problemi conseguenti per quanto riguarda lo stato dei torrenti e dei fiumi cittadini
• illustrare come un simile strumento (sopratutto su base GIS) sia fondamentale per gli operatori che fanno manutenzione, per gli allacci, per la gestione dell’anagrafe dei tributi , per l’individuazione rapida e certa dei contravvenenti
Insomma, si apre un capitolo importante su cui lavorare e ci prendiamo qualche tempo per definire meglio come muoverci.
Per il momento dobbiamo inoltrare domdna formale a patrimoni e lavori pubblici per chiedere copia della cartografia (che non hanno) e iniziare così a sollevare il problema

> varie ed eventuali
Nelle varie ed eventuali si decide di rispondere al bando pubblicato dal Comune per l’adesione al tavolo d’ascolto per la definizione del
­documento operativo strategico nell’ambito delle procedure di gestione del territorio e della pianificazione urbanistica
Mario si attiverà per verificare le modalità e predisporre la documentazione d atrasmetter al comune.

il link per aggiornamenti del Meetup Avellino

<<<<fine>>>>

Share

Lascia un commento »