#Apertiatutti: sabato e domenica il Movimento 5 Stelle incontra i cittadini di Avellino.

Parleremo con tutti di idee per disegnare il futuro del capoluogo irpino e vogliamo farlo con i cittadini, le associazioni, i commercianti e gli imprenditori. 

Dalle 16 alle 20 di sabato saremo presenti al Carcere Borbonico di Avellino – Sala Rossa – e saremo a disposizione di tutti coloro che vorranno impegnarsi per la città. 
Incontri per recepire idee, proposte e suggerimenti. 
Per aggiungere soluzioni ai problemi che la politica di Avellino non ha saputo affrontare. 
La sintesi delle idee e delle proposte entrerà a far parte del programma di governo della città. 
Gli incontri dei parlamentari saranno accompagnati dall’esibizione di alcuni gruppi musicali locali e dalla degustazione di vini e prodotti tipici. Domenica 22, dalle 10 alle 13, #Apertiatutti si trasferisce in Ferrovia. I parlamentari irpini saranno a Rione Ferrovia in Piazza, nei pressi della scuola Media. 
Il messaggio è chiaro: non esistono zone di serie A e di serie B. Avellino è una.

Elezioni, il trionfo M5S dalla Campania

Sistema Proporzionale

Senato della Repubblica
Eletti Collegio plurinominale CAMPANIA – 01

Movimento 5 Stelle:VILMA MORONESE, AGOSTINO SANTILLO

Eletti Collegio plurinominale CAMPANIA – 02

Movimento 5 Stelle:PAOLA NUGNES, SERGIO VACCARO, SILVANA GIANNUZZI, VINCENZO PRESUTTO

Eletti Collegio plurinominale CAMPANIA – 03

Movimento 5 Stelle:SERGIO PUGLIA, LUISA ANGRISANI, ANDREA CIOFFI

Camera dei Deputati
Eletti Collegio Plurinominale Campania 1 – 01

Movimento 5 Stelle:LUIGI DI MAIO,CONCETTA GIORDANO DETTA CONNY,SALVATORE MICILLO, IOLANDA DI STASIO

Eletti Collegio Plurinominale Campania 1 – 02

Movimento 5 Stelle: ROBERTO FICO, GILDA SPORTIELLO, ALESSANDRO AMITRANO

Eletti Collegio Plurinominale Campania 1 – 03

Movimento 5 Stelle: LUIGI GALLO, TERESA MANZO, LUIGI IOVINO

Eletti Collegio Plurinominale Campania 2 – 01

Movimento 5 Stelle: CARLO SIBILIA, MARIA PALLINI

Eletti Collegio Plurinominale Campania 2 – 02

Movimento 5 Stelle: MARGHERITA DEL SESTO, GIOVANNI RUSSO, MARIANNA IORIO

Eletti Collegio Plurinominale Campania 2 – 03

Movimento 5 Stelle: ANGELO TOFALO, ANNA BILOTTI, COSIMO ADELIZZI

****

Sistema Maggioritario

Ecco tutti gli eletti nei collegi del Senato:

Collegio Plurinominale Campania – 01
Collegio 01 (Benevento) –Danila De Lucia(M5S) 114.051 / 44,53%
Collegio 02 (Caserta) –Vilma Moronese(M5S) 154.427 / 53,00 %
Collegio 03 (Avellino) –Ugo Grassi(M5S) 154.427 – 53,00%

Collegio Plurinominale Campania – 02
Collegio 04 (Giugliano) –Maria Domenica Castellone(M5S) 140.015 / 53,42%
Collegio 06 (Casoria) –Raffaele Mautone(M5S) 152.953 / 58,51%
Collegio 07 (Napoli Circ.7) –Franco Ortolani(M5S) 108.189 / 53,16%
Collegio 08 (Napoli Circ.19) –Paola Nugnes(M5S) 94.134 7 49,04%

Collegio Plurinominale Campania – 03
Collegio 05 (Portici) –Francesco Urraro (M5S) 91.861 / 43,66%
Collegio 09 (Torre Del Greco)Virginia La Mura(M5S) 111.741 / 49,51%
Collegio Un. 10 (Salerno)Andrea Cioffi (M5S) 123.893 / 42,53%
Collegio Un. 11 (Battipaglia)Francesco Castiello(M5S) 91.937 / 38,00%

Ecco tutti gli eletti nei collegi della Camera:

Collegio Plurinominale Campania 1 – 01
Collegio 01 (Giugliano) –Salvatore Micillo (M5S) 87.829 / 57,92%
Collegio 03 (Acerra) –Luigi Di Maio(M5S) 95.219 / 63,41%
Collegio 04 (Casoria) –Vincenzo Spadafora (M5S) 88.093 / 59,40%
Collegio 09 (Pozzuoli) –Andrea Caso(M5S) 73.175 / 50,05%

Collegio Plurinominale Campania 1 – 02
Collegio 05 (Napoli Circ.7) –Doriana Sarli(M5S) 56.753 / 48,01%
Collegio 06 (Napoli Circ.28) –Rina De Lorenzo(M5S) 68.519 / 62,09%
Collegio 07 (Napoli Circ.9) –Raffaele Bruno(M5S) 45.558 / 43,00%
Collegio 08 (Napoli Circ.19) –Roberto Fico(M5S) 61.819 / 57,57%

Collegio Plurinominale Campania 1 – 03
Collegio 02 (Nola) –Silvana Nappi(M5S) 59.569 / 47,99%
Collegio 10 (Portici) –Gianfranco Di Sarno(M5S) 63.397 / 55,96%
Collegio 11 (Torre Del Greco) –Luigi Gallo(M5S) 68.104 / 54,37%
Collegio 12 (Castellammare) –Catello Vitiello(M5S) 60.324 / 46,58%

Collegio Plurinominale Campania 2 – 01
Collegio 01 (Benevento) – Angela Ianaro (M5S) 60.555 / 44,32%
Collegio 02 (Ariano Irpino) –Generoso Maraia(M5S) 55.642 / 42,90%
Collegio 06 (Avellino) –Michele Gubitosa(M5S) 62.611 / 44,14%

Collegio Plurinominale Campania 2 – 02
Collegio 03 (Caserta) –Antonio Del Monaco(M5S) 90.512 – 54,52%
Collegio 04 (S.M.Capua Vetere) –Giuseppe Buompane(M5S) 65.373 / 43,74%
Collegio 05 (Aversa) –Nicola Grimaldi(M5S) 86.419 – 52,76%

Collegio Plurinominale Campania 2 – 03
Collegio 07 (Scafati) –Virginia Villani(M5S) 71.257 44,83%
Collegio 08 (Salerno) –Nicola Provenza(M5S) 67.635 / 40,84%
Collegio 09 (Battipaglia) –Nicola Acunzo(M5S) 57.458 / 41,85%

Entra anche Pasquale Maglione attraverso l’acquisizione del terzo seggio nel collegio plurinominale Avellino – Benevento.

Elezioni politiche 2018, gli eletti in Campania

Elezioni politiche 2018, gli eletti al Senato in Campania

Collegio plurinominale CAMPANIA – 01

Collegio uninominale 01 (BENEVENTO) – DANILA DE LUCIA (M5S)

Collegio uninominale 02 (CASERTA) – VILMA MORONESE (M5S) 154.427 / 53,00 %

Collegio uninominale 03 (AVELLINO) – UGO GRASSI (M5S) 107.293 / 43,86 %

Collegio plurinominale CAMPANIA – 02

Collegio uninominale 04 (GIUGLIANO) – MARIA DOMENICA CASTELLONE (M5S) 140.015 / 53,42%

Collegio uninominale 06 (CASORIA) – RAFFAELE MAUTONE (M5S) 152.953 / 58,51%

Collegio uninominale 07 (NAPOLI CIRC.7) – FRANCO ORTOLANI (M5S) 108.189 / 53,16%

Collegio uninominale 08 (NAPOLI CIRC.19) – PAOLA NUGNES (M5S) 94.134 7 49,04%

Collegio plurinominale CAMPANIA – 03

Collegio uninominale 05 (PORTICI) – FRANCESCO URRARO (M5S) 91.861 / 43,66%

Collegio uninominale 09 (TORRE DEL GRECO) VIRGINIA LA MURA (M5S) 111.741 / 49,51%

Collegio uninominale 10 (SALERNO) ANDREA CIOFFI (M5S)

Collegio uninominale 11 (BATTIPAGLIA) FRANCESCO CASTIELLO (M5S)

 

Elezioni politiche 2018, gli eletti alla Camera in Campania

Collegio plurinominale CAMPANIA 1 – 01

Collegio uninominale 01 (GIUGLIANO) – SALVATORE MICILLO (M5S) 87.829 / 57,92%

Collegio uninominale 03 (ACERRA) – LUIGI DI MAIO (M5S) 95.219 / 63,41%

Collegio uninominale 04 (CASORIA) – VINCENZO SPADAFORA (M5S) 88.093 / 59,40%

Collegio uninominale 09 (POZZUOLI) – ANDREA CASO (M5S)

 Collegio plurinominale CAMPANIA 1 – 02

Collegio uninominale 05 (NAPOLI CIRC.7) – DORIANA SARLI (M5S) 56.753 / 48,01%

Collegio uninominale 06 (NAPOLI CIRC.28) – RINA DE LORENZO (M5S) 68.519 / 62,09%

Collegio uninominale 07 (NAPOLI CIRC.9) – RAFFAELE BRUNO (M5S) 45.558 / 43,00%

Collegio uninominale 08 (NAPOLI CIRC.19) – ROBERTO FICO (M5S) 61.819 / 57,57%

Collegio plurinominale CAMPANIA 1 – 03

Collegio uninominale 02 (NOLA) – SILVANA NAPPI (M5S) 59.569 / 47,99%

Collegio uninominale 10 (PORTICI) – GIANFRANCO DI SARNO (M5S) 63.397 / 55,96%

Collegio uninominale 11 (TORRE DEL GRECO) – LUIGI GALLO (M5S) 68.104 / 54,37%

Collegio uninominale 12 (CASTELLAMMARE) – CATELLO VITIELLO (M5S) 60.324 / 46,58%

Collegio plurinominale CAMPANIA 2 – 01

Collegio uninominale 01 (BENEVENTO) – ANGELA IANARO (M5S)

Collegio uninominale 02 (ARIANO IRPINO) – GENEROSO MARAIA (M5S) 55.642 / 42,90 %

Collegio uninominale 06  (AVELLINO) – MICHELE GUBITOSA (M5S) 62.611 / 44,14 %

Collegio plurinominale CAMPANIA 2 – 02

Collegio uninominale 03 (CASERTA) – ANTONIO DEL MONACO (M5S)

Collegio uninominale 04 (S.M.CAPUA VETERE) – GIUSEPPE BUOMPANE (M5S)

Collegio uninominale 05 (AVERSA) – NICOLA GRIMALDI (M5S) 86.419 – 52,76%

Collegio plurinominale CAMPANIA 2 – 03

Collegio uninominale 07 (SCAFATI) – VIRGINIA VILLANI (M5S)

Collegio uninominale 08 (SALERNO) – NICOLA PROVENZA (M5S) 67.635 / 40,84%

Collegio uninominale 09 (BATTIPAGLIA) – NICOLA ACUNZO (M5S)

Collegio uninominale 10 (AGROPOLI) – MARZIA FERRAIOLI (CDX)

PARTE LA CAMPAGNA #M5SACASATUA – INVITA I TUOI CONDOMINI!

Prende il via sabato 27 gennaio la campagna #M5SaCasaTua. Roberto Fico, Valeria Ciarambino e Marì Muscarà incontreranno condomini, vicini e amici del Signor Franco che ha deciso di aprire le porte della sua abitazione per aiutare a diffondere il programma M5S per la qualità della vita degli italiani.

Vuoi organizzare un incontro a casa tua? Parlamentari, consiglieri e portavoce sono pronti a raggiungerti. Invia una mail a rallycampania@gmail.com, specificando il luogo dell’abitazione e il numero di condomini e amici che parteciperanno all’iniziativa.

Trasparenza sito istituzionale, dal Comune di Avellino vaghe risposte

Comunicato Stampa.

“Una risposta che ci lascia insoddisfatti soprattutto perché non dà conto della nostra richiesta di conoscere i tempi previsti dall’amministrazione per l’adeguamento del sito istituzionale al decreto legislativo n. 33/2013, modificato dal d.lgs. 97/2016, e alla delibera dell’Autorità Nazionale Anticorruzione n. 1310/2016”, così i cittadini del Meet up di Avellino, impegnati in una battaglia nei confronti del Comune di Avellino, il cui portale on line, secondo la Bussola della Trasparenza, non rispetta i parametri di legge.
“In riscontro ad una nostra prima istanza – commentano – la segreteria generale di Piazza del Popolo ha assicurato che stanno provvedendo all’adeguamento senza, però, comunicarci i tempi di completamento di questo percorso, come pure avevamo richiesto. Conoscendo i nostri interlocutori, infatti, avevamo previsto una risposta dal contenuto vagamente generico, ma poiché si tratta di disposizioni normative che risalgono al 2013, ancorché aggiornate lo scorso anno, riteniamo che i tempi non debbano e non possano essere biblici. Tanto più che il modificato decreto legislativo n. 33/2013 che vuole assicurare la pubblicità, la trasparenza, la diffusione delle informazioni, nonché l’accessibilità dei dati, contiene una standardizzazione della modalità di pubblicazione dei contenuti, indicando per ognuno di essi l’esatta posizione e denominazione all’interno dei siti on line”.
“La vaga risposta di Palazzo di Città – continuano – ci ha costretti ad inoltrare nuova istanza contenente una richiesta ancor più dettagliata ai sensi della nuova normativa in materia di accesso civico generalizzo agli atti e alle informazioni. Entro quanto tempo si concluderà il processo di adeguamento e a che punto siamo oggi? Quanto costa questa operazione? Che tipo di procedimento (appalto esterno con affidamento diretto o bando di gara oppure incarico internalizzato agli uffici comunali) è stato adottato? Domande che meritano una risposta perché deve essere chiaro anche il percorso di ripristino della trasparenza del sito on line!”.
“La pubblicità e l’accessibilità dei dati e delle informazioni, in una democrazia moderna, sono parametri irrinunciabili del buon governo perché consente l’accountability da parte degli amministrati e il miglioramento delle performance delle istituzioni pubbliche. Per questo chiediamo a gran voce che Palazzo di Città diventi al più presto quella casa di vetro tanto auspicata dagli avellinesi” – concludono gli attivisti del Meet up.

 

il link per aggiornamenti del Meetup Avellino

Stazionamento bus Borgo Ferrovia – Meetup Avellino richiama Ing. Preziosi su impegni assunti.

Ad un mese di distanza dall’ultima dichiarazione sullo stazionamento dei bus extraurbani rilasciata dall’assessore competente, Ing. Costantino Preziosi, appare opportuno ritornare sul tema, 

in data odierna a cura del  Meetup di Avellino è stata protocollata richiesta di informazioni e riscontri con relativa sintesi della situazione.

La richiesta è scaricabile al seguente link : 20171016 lettera protocollata

Capolinea bus spostato vicino alla stazione

Comunicato Stampa.

“Ad un anno dalla decisione dell’assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Avellino di individuare come capolinea dei bus a lunga percorrenza lo spazio antistante la scuola materna ed elementare di Borgo Ferrovia esprimiamo soddisfazione nell’apprendere la notizia che il terminal sarà spostato nello spazio recintato di RFI, accanto alla stazione ferroviaria” – così il gruppo di lavoro del Meet up di Avellino impegnato dell’agosto del 2016 su questa vicenda.

“Finalmente – dichiarano i cittadini attivi – l’amministrazione ha preso in considerazione una proposta di buon senso in occasione della risposta ad una interrogazione prodotta da un consigliere comunale”.

“Ci siamo interessati del terminal a Borgo Ferrovia – continuano agli attivisti – dopo aver ricevuto diverse segnalazioni da parte di cittadini, viaggiatori e non, che lamentavano l’inadeguatezza del luogo prescelto e nell’approfondire il caso ci siamo resi conto che c’erano diverse incongruenze anche procedurali. Ecco perché abbiamo presentato 4 richieste di chiarimento all’amministrazione comunale, rimaste ad oggi inevase. Ed oggi abbiamo inviato un’ulteriore istanza in Comune per rassicurare tutti che continueremo a voler verificare la correttezza amministrativa delle procedure pregresse e, al tempo stesso, monitorare le fasi dello spostamento, come nostra prassi, con richieste di accesso agli atti e controllo dei tempi di attuazione”.

“Per il futuro, sebbene breve – concludono gli attivisti del MeetUp Avellino – ci auguriamo un comportamento da parte di questa amministrazione più reattivo e collaborativo anche perché, e questa è una promessa, la nostra funzione di sentinella del territorio e degli interessi dei cittadini sarà sempre più incalzante”.

Stazionamento dei bus, al Comune di Avellino la poca trasparenza è di casa

Comunicato Stampa.

Mancano pochi giorni al 18 febbraio e sarà un mese esatto dalla presentazione, a Palazzo di Città, dell’ennesima istanza di chiarimento sull’iter seguito dall’amministrazione comunale per individuare il piazzale del campo sportivo di Borgo Ferrovia quale area di stazionamento dei bus di lunga percorrenza” – così il gruppo di lavoro del Meet up impegnato su questa vicenda dallo scorso agosto.
“Nella risposta ricevuta il 12 dicembre 2016 da parte del Segretario Generale – continuano i cittadini attivi – si fa riferimento ad una nota dirigenziale del Settore Lavori Pubblici, la n. 49676/2016, di cui, tuttavia, ad oggi non c’è nessuna traccia nell’archivio digitale degli atti del Comune di Avellino e di cui abbiamo chiesto di prendere visione e di riceverne copia”.
“A gennaio – ricordano – è intervenuto anche il parroco della vicina Chiesa di San Francesco per richiamare l’attenzione dell’amministrazione sulle difficoltà logistiche degli utenti degli autobus. Ma nulla. Manca una pensilina, manca un’adeguata illuminazione per la sera, mancano i servizi igienici. Per non parlare delle lamentale di alcuni genitori degli alunni della locale scuola elementare alle prese con il caos mattutino provocato dal via vai dei mezzi concomitante con l’inizio delle lezioni”.
“Tra l’altro, questa soluzione doveva essere provvisoria ed invece perdura da oltre 6 mesi. Ci chiediamo: a Palazzo di Città stanno studiando un’alternativa da mettere in campo? O la situazione resterà tale? Se fosse così, bisognerebbe adeguare l’area all’accoglienza dei passeggeri. Ed infine quale è il contenuto della nota dirigenziale del Settore Lavori Pubblici del 2016 con cui è stata autorizzata la fermata? E’ mai possibile che le istanze dei cittadini debbano aspettare così tanto tempo per avere un qualche riscontro? A tutte queste domande, da avellinesi, attendiamo risposte da parte dell’amministrazione comunale. Noi continueremo a sollecitare e a volerci vedere chiaro” – concludono gli attivisti del Meet up di Avellino. 

Meet up di Avellino: poca chiarezza su Borgo Ferrovia

Comunicato Stampa

“Apprendiamo dagli organi di stampa locali che oggi pomeriggio presso il Carcere Borbonico di Avellino si tiene un convegno in ricordo del sindaco Antonio Di Nunno dal titolo ‘Dal Piano regolatore all’Area Vasta. Avellino disegna il futuro’ alla presenza di illustri tecnici ed esponenti dell’amministrazione in carica” – così il gruppo di lavoro del Meet up di Avellino, che sta seguendo il caso dello stazionamento dei bus di lunga percorrenza a Borgo Ferrovia.

“Al sindaco, alla giunta e al Consiglio comunale – affermano i cittadini attivi – rivolgiamo ancora una volta l’invito a chiarire in modo definitivo e puntuale la procedura prevista nel caso che abbiamo portato alla loro attenzione, a partire dallo scorso agosto, attraverso alcune istanze presentate a Palazzo di Città. Per amore di verità, una risposta, sebbene non soddisfacente, l’abbiamo ricevuta il 12 dicembre 2016 da parte del Segretario Generale, che allegava un’ordinanza del Comandante della Polizia Municipale emessa in seguito ad una nota dirigenziale del Settore Lavori Pubblici, la n. 49676/2016, di cui, tuttavia, ad oggi non c’è nessuna traccia nell’archivio digitale degli atti del Comune di Avellino”.

“Quello che ci lascia perplessi – proseguono – è la sistematica abitudine a snobbare le richieste di trasparenza degli avellinesi visto che, anche in questo caso, siamo in presenza di un rimando ad un altro documento di cui non è stato ancora possibile visionare il contenuto. Siamo sicuri che la nota cui si accenna esista davvero, per questo ne chiediamo ufficialmente copia con una richiesta di accesso agli atti che effettueremo nei prossimi giorni”.

“Riteniamo – concludono gli attivisti del Meetup Avellino – che sia importante prefigurare un disegno complessivo della città che sarà, ma, allo stesso tempo, auspichiamo che ogni decisione amministrativa venga partecipa dai cittadini e segua un iter rispettoso della legge. Per questo continueremo ad invocare chiarezza sul caso dello stazionamento dei bus a Borgo Ferrovia”.

Dove è finita la buona scuola di Gambacorta?

Comunicato stampa.

La tragedia che sta andando in scena in questi giorni ad Avellino e che vede come uniche vittime gli studenti ed il personale delle scuole è figlia delle incongruenze e dell’incapacità della classe politica irpina”. Ad affermalo è il deputato del Movimento 5 Stelle, Carlo Sibilia, a proposito del caso sulla sicurezza scuole in città.  “Si è passati dai proclami dell’ottobre 2011 – quando al suo insediamento il Presidente Gambacorta dichiarava “L’agenda delle priorità: “edilizia Scolastica prima di tutto. Bisogna fare in modo che i giovani dell’Irpinia abbiano le stesse opportunità dei ragazzi di tutte le altre province di Italia, con scuole che funzionano, a norma e sicure ed edifici energeticamente contenuti” – al fuggi fuggigenerale senza una logica nei trasferimenti, senza nessuna certezze per studenti, docenti, amministrativi e genitori, una programmazione fantasma in linea con il modus operandi dei nostri amministratori locali. Dopo aver disposto i trasferimenti, con apposita ordinanza del 18 novembre 2016, apprendiamo dagli organi di informazione che la Provincia con determina n. 2309 del 28 u.s. ha affidato all’ingegnere Luigi Petti un incarico di verifica della vulnerabilità sismica e calcolo della vita residua su uno degli istituti scolastici già oggetto di trasferimento degli alunni, ad ulteriore dimostrazione della loro improvvisazione e che ad oggi non ci sono certezze, nessuna certificazione. Il nulla! Allora ci chiediamo con quali criteri sono stati disposti gli spostamenti dei ragazzi? Dove è finita la buona scuola di Gambacorta? Se le scuole sono sicure le istituzioni rendano immediatamente pubbliche le certificazioni sismiche. Ora la preoccupazione è tale da richiedere, se necessario, anche l’intervento della magistratura in modo che tutti vengano inchiodati alle proprie responsabilità. La certezza è che al momento le strutture sono inadeguate, letteralmente decadenti e piene di barriere architettoniche. Risultato di una classe amministrativa distratta, egoista ed arrogante”.