Abolizione del reato di clandestinità

By Redazione MoVimento Avellino 5 Stelle 8 anni agoNo Comments
Home  /  Blog  /  Abolizione del reato di clandestinità

Comunicato Stampa.

Si sono appena svolte e concluse le consultazioni on line del M5S sul mantenimento o meno del reato di clandestinità. Si è arrivati a questa consultazione dopo che, prima a luglioe poi ad ottobre all’indomani dei fatti di Lampedusa i Senatori Cioffi e Buccarella hanno proposto questo emendamento basandosi su una vasta esperienza personale e professionale. Andrea Cioffi ha partecipato, in qualità di volontario, a diverse esperienze con Emergency, nei punti “caldi” del pianeta, conoscendo da vicino cio che è all’origine dei flussi migratori. Maurizio Buccarella è un avvocato salentino, spessissimo chiamato alla difesa d’ufficio di immigrati “clandestini” e conosce molto bene gli aspetti giuridici ed amministrativi della norma nonché le sue conseguenze.

Ha detto in aula “ nella mia lunga carriera professionale vi posso assicurare che tutti, i miei colleghi, i giudici, gli stessi poliziotti che venivano a testimoniare dicevano “ma a che serve?” …. non ho mai visto arrivare a condanna uno solo degli imputati… per le modifiche che sono state apportate al testo dalla Corte Costituzionale ed Europea attualmente è possibile solo applicare una sanzione pecuniaria di 5000E : ma non è mai stato possibile recuperare nulla. Non è servita ad espellere un solo clandestino!” .

Questa norma non solo non ha scoraggiato l’arrivo in Italia di migranti (dal 2009 , data in cui è stata introdotta da Maroni, i flussi sono rimasti invariati) ma è costata allo Stato diversi milioni di Euro per l’allestimento dei processi e distraendo inoltre le forze dell’ordine, impegnate nelle testimonianze nei processi, dal loro lavoro sul territorio.

E’ legittimo dunque pensare che sia servita solo a “placare la pancia” degli elettori della Lega e di destra in generale. Ma nessuna traccia della sua utilità concreta. Buccarella ha inoltre precisato che questa abolizione non riguarda l’abrogazione della Bossi-Fini che “nel bene e nel male resta in piedi così com’è.

Quando  riparleremo di immigrazione lo rifaremo tutti insieme e magari anche voi ricorrerete alla consultazione dei vostri elettori così come abbiamo fatto noi”, stando attenti sia alla demagogia di chi, cavalcando la paura, vorrebbe la chiusura delle frontiere sia a chi, con un buonismo fuori luogo, vuole un’accoglienza che il nostro paese non può consentirsi.

La consultazione on line ha dato ragione agli argomenti di Buccarella ed è stato, seppur limitato nei numeri, un bell’esempio di democrazia diretta, segno di un legame nuovo tra elettori ed eletti che davvero sono stati portavoci di un volere popolare.

Certo un maggiore tempo per il voto ed un maggior preavviso avrebbero senz’altro allargato la partecipazione. Ma resta un’esperienza valida,  che accantona definitivamente quell’idea di “delega in bianco” che ha portato alla deriva  contemporaneamente la politica ed il senso della partecipazione popolare.

Avellino – 16 gennaio 2014  Gruppo attivo M5Stelle Avellino

Category:
  Blog
this post was shared 0 times
 000
About

 Redazione MoVimento Avellino 5 Stelle

  (443 articles)

Leave a Reply

Your email address will not be published.